Barolo Boys: la storia che ha cambiato il volto dell’enologia nazionale

Langhe, Piemonte, 1986. Nel marzo di quell’anno alcuni produttori della zona iniziano a miscelare alcol metilico nel vino (naturalmente presente nel mosto dopo il processo di fermentazione ma in quantità trascurabile da non risultare dannoso per l’organismo) per aumentare la gradazione alcolica del prodotto, perché più a buon mercato dello zucchero. Lo scandalo del metanolo provoca subito diverse vittime, colpite da intossicazione, avvelenamento, danni neurologici e in ventitré casi, morte. L...
Di più

Kurniawan: vendute le ultime bottiglie del più grande truffatore di vino

Sarebbe paradossale credere che qualcuno possa essere interessato ad acquistare bottiglie di vino di un falsario che proprio sul vino ha costruito la sua fama. Eppure è successo. Rudy Kurniawan, il contraffattore di vino più famoso di tutti i tempi, è stato processato nel 2013 per aver sofisticato, falsificato e venduto rare bottiglie di vino per milioni di dollari; dalle indagini è emerso che gestiva il tutto da solo e in completa autonomia: dal taglio del vino, con blend messi a punto da lu...
Di più

Vernaccia di San Gimignano, la prima DOC d’Italia

"Questi", e mostrò col dito, "è Bonagiunta, Bonagiunta da Lucca; e quella faccia di là da lui più che l’altre trapunta ebbe la Santa Chiesa in le sue braccia: dal Torso fu, e purga per digiuno l’anguille di Bolsena e la vernaccia". Così scrive Dante Alighieri nel Canto XXIV del Purgatorio nella sua opera più famosa: la Divina Commedia. Parole che testimoniano la fama e la lunga tradizione di questo vino bianco toscano. Prodotto con omonime uve autoctone tipiche delle colline della provincia ...
Di più

Il brindisi 2015 è made in Italy: tutti pazzi per il Prosecco

Con la chiusura del 2015 L'Italia si conferma il primo paese al mondo per esportazione di vini spumanti e bollicine, con un valore di crescita del 19% rispetto al passato, declassando sia il re del brindisi, lo Champagne, sia il rinomato Cava spagnolo, altrettanto apprezzato. Nel 2013 e nel 2014, infatti, i dati relativi avevano già registrato un consumo maggiore di bollicine italiane rispetto a quelle degli altri paesi ma quest’anno il fenomeno è ancora più evidente, come si osserva dall’anali...
Di più

Sebastian Stocker e la rinascita vitivinicola dell’Alto Adige

Nel panorama enologico altoatesino Sebastian Stocker rappresenta un modello di serietà, esperienza e grande finezza interpretativa. Nel 1955, superati da poco i vent’anni, entra come enologo nella Cantina sociale di Terlano, oggi una nota cooperativa di 144 produttori, garanzia di eccellenza anche grazie al suo contributo ma all’epoca consorzio relativamente sconosciuto. Il cantiniere vi rimane per circa quarant’anni, trascorsi i quali decide di seguire la strada del piccolo produttore di spuman...
Di più

29 anni di Guida Vini d’Italia: l’edizione 2016 raccontata dai protagonisti

Sono stati anni ricchi di cambiamenti quelli trascorsi dal lancio della prima Guida Vini d'Italia del 1988. La prima sotto ogni punto di vista: non era mai uscita infatti una guida che raccogliesse organicamente i migliori vini prodotti nel nostro paese, utilizzando un tipo di linguaggio capace di avvicinare gli appassionati a questo mondo così complesso e variegato. Se nel 1988 il più grande riconoscimento dei Tre Bicchieri era stato assegnato solamente a 32 vini, la nuova edizione 2016 ne pr...
Di più

Vini d’Italia 2016: le eccellenze italiane all’Auditorium del Massimo di Roma

È giunta alla 29ma edizione la guida dei Vini d'Italia, la rassegna delle migliori realtà vitivinicole italiane. Quest'anno, sul palco dell'anfiteatro dell'Auditorium del Massimo in Roma, ad aprire la kermesse l'attore e cantante Neri Marcorè. La colonna sonora dell'evento è stata affidata al trio musicale composto dalla cantautrice romana Pilar, il chitarrista classico Federico Fernandina e il contrabbasso Andrea Colella. A fare gli onori di casa il presidente Paolo Cuccia, il quale ha rip...
Di più

Il vino e la passione di Arianna Occhipinti

Classe 1982, una laurea in Viticoltura ed Enologia all'Università di Milano, quella in cui i grandi nomi del mondo del vino rimbombano come tuoni, un debutto da vigneron a soli ventidue anni, tanta tenacia, tanta forza e due occhi scuri che raccontano di sogni trasformati in realtà. Nel suo libro, “Natural Woman” (edito da Fandango Libri), scrive che dentro il suo nome c'era un destino dionisiaco e alcolico, perché, nella mitologia greca, Arianna è la donna che, dopo la morte di Teseo, diventa ...
Di più

Lambrusco e biodiversità: a Enologica la forza dell’Emilia Romagna

I polpastrelli afferrano delicatamente la fetta di prosciutto crudo, la pongono controluce per permettere agli occhi di analizzarne i riflessi, la accompagnano all'ombra del naso per consentire alle narici di fornire il loro contributo e, infine, la stendono come un lenzuolo sulla lingua. Il giornalista Ole Udsen è un wine blogger danese che affronta l'atto della degustazione con una concentrazione che lambisce il raccoglimento religioso: “Non sono mai stato a Bologna – spiega in un perfetto ita...
Di più

Vino: 5 consigli per non fare brutta figura

Diciamo che ti piace un ragazzo. E diciamo che il suddetto ragazzo t’inviti a bere un bicchiere di vino. E tu di vino ne sai quanto Platinette in fatto di stile. Che fare? Stai tranquilla e respira profondamente. Ecco 5 consigli per fare una bella figura, per bere meglio del solito e, perché no, anche per rimediare un secondo appuntamento! 1)   Cosa ordinare: Non dirmelo. Scommetto che fino ad ora hai scelto sempre: Prosecco, Gewurztraminer, Greco di Tufo, Müller Thurgau e Falanghina. Corretto?...
Di più