Lecce: lo sposalizio salentino tra arte e street food

thumb_IMG_7184_1024

Bar Pasticceria Cadorna: paste, pasticciotto e sue varianti

Lecce è una delle tante città italiane custodi della storia dell’arte e della cucina della nostra penisola. La bellezza architettonica e la buona tavola dimorano tra le vie e i palazzi del posto, si alternano e si fondono in armonia nel capoluogo salentino come contenuti di valore che donano alla città dorata un fascino non replicabile nel resto del Meridione.

Una città traboccante di identità storica come questa può costringere tuttavia il visitatore a scegliere che turismo prediligere, se artistico o gastronomico, quando ha poco tempo a disposizione per scoprire la città.

In circostanze simili lo street food rappresenta la soluzione ideale per non rinunciare all’esperienza gastronomica mentre si gode del patrimonio artistico della città. Lecce offre numerose alternative al riguardo, di cui ve ne proponiamo alcune di seguito.

Cominciate la giornata con una colazione da Cadorna, pasticceria non distante dai giardini pubblici in Via 95° Reggimento Fanteria, 15. Il bar, oltre alla bontà di paste ripiene, cornetti e muffin, è noto per le sue diciassette varianti di pasticciotto, il tipico dolce leccese di pasta frolla ripiena alla crema. La caffetteria propone la versione al cioccolato bianco, al fondente con arancia e alla crema di pistacchio, per citarne alcune, accanto a declinazioni più impegnative, come quella con ripieno di crema al rum e pere o con mandorle, fichi e cioccolato.

thumb_IMG_7185_1024

Paninoteca Doppiozero

A pranzo spostatevi dietro Piazza Sant’Oronzo, all’Angolino di Via Matteotti, situato nell’omonima via al civico 1. Saziatevi con una puccia, specialità salentina di pane alle olive leccine, da mangiare nella versione semplice o imbottita con ricette della tradizione, come gli gnummareddi, pezzetti di carne di cavallo in umido.

Se preferite un pranzo meno audace ma ugualmente soddisfacente, dirigetevi verso Piazza Santachiara, proseguite su Via Ammirati e scegliete se fermarvi al Pizzicotto, storica pizza al taglio della città, o proseguire dritti e girare poco dopo sulla sinistra, su Via G. Paladini.

I pochi tavoli di legno pronti ad accogliervi in strada vi avviseranno che siete arrivati da Doppiozero, paninoteca con un ricco assortimento di salumi e formaggi, da visitare anche per un design interno originale e attento al riciclo, come dimostrano le bottiglie di vetro appese al soffitto e utilizzate come lampade per illuminare un bancone stretto e lungo. Il locale, intimo e riparato, è ideale anche per sorseggiare un bicchiere di vino prima di rimettersi in marcia.

A cura di Flavia Previtera

Share and Enjoy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *