Natale sostenibile: consigli per un menù a prova di sprechi

Le feste natalizie sono spesso sinonimo di eccessi a tavola e sprechi. Nel periodo fra il Natale e l’Epifania le vendite di generi alimentari aumentano, e con esse cresce anche la quantità di quelli che finiscono in pattumiera. Per questo motivo è importante scegliere un menù che sia sostenibile per l’ambiente e per la salute, ma anche per le nostre tasche.

Tutto parte dalla spesa: è infatti nel momento in cui si decide cosa acquistare che cominciano gli sprechi. Attenzione dunque alla quantità dei prodotti da comprare, che devono essere il più possibile adeguate al numero dei commensali invitati al pranzo. Per quanto riguarda i piatti da servire, se la sera del 24 il pesce trionfa come da tradizione, per il pranzo del 25 si può optare per un menù vegetariano, con alimenti a basso impatto ambientale e costo ridotto. Ecco alcune proposte utili per chi vuole preparare un pranzo sostenibile, salutare ed economico.

Un pranzo sostenibile

 

L’entrée: crema di zucca e crostini

 

Scegliere verdure di stagione può fare la differenza: la zucca, ad esempio, fra novembre e dicembre ha costi ridotti. Per fare un’ottima crema di zucca basterà far andare un soffritto di cipolle, carote e sedano in una pentola capiente e, una volta rosolate le verdure, aggiungere la zucca a pezzi. Fate stufare per qualche minuto e aggiustate di sale e pepe, unite una patata a pezzi e coprite tutto con del brodo vegetale. Per fare il brodo vegetale basterà utilizzare gli scarti delle verdure acquistate: le code dei porri, i gambi dei broccoli, la parte finale della cipolla, le foglie del sedano e i resti delle carote. Qualche foglia di alloro completerà il tutto. Una volta completata la cottura frullate il tutto e servite la crema con dei crostini tostati.

Crema di zucca con crostini

Crema di zucca con crostini

Il primo: lasagne porri e broccoli

 

Per delle gustose lasagne vegetariane basterà scegliere delle verdure di stagione e abbinarvi una besciamella non troppo ristretta. Affettate i porri insieme a un po’ di cipolla e qualche pezzo di carota, sfumateli con il vino e lasciateli stufare a fuoco lento. Sbollentate le cime dei broccoli finché non diventano morbide. Se avete scelto le lasagne secche, potete conservare l’acqua di bollitura per scottare la pasta prima di comporre il tutto nella teglia. Quando i broccoli sono pronti, aggiungeteli alla padella con i porri, facendoli saltare per qualche minuto. Componete le lasagne alternando la pasta, il condimento di porri e broccoli e la besciamella. In cima una spolverata di parmigiano. Infine, mettete la teglia in forno a 200 gradi per 20 minuti.

Lasagne porri e broccoli

Lasagne porri e broccoli

Il secondo: polpette di spinaci e coleslaw

 

Un secondo sostenibile parte dal riutilizzo di ingredienti che abbiamo in casa, come il pane raffermo. Sbollentate gli spinaci per qualche minuto, scolateli e schiacciateli bene per far fuoriuscire l’acqua assorbita. Nel frattempo lasciate in ammollo il pane duro nell’acqua o, meglio, in un misto di acqua e latte. Subito dopo mettete in una ciotola capiente gli spinaci, il pane strizzato, un uovo sbattuto, dell’aglio tritato a piacere e una spolverata di parmigiano. Immancabili, la scorza di limone e il prezzemolo. Componete le polpette e friggetele, oppure mettetele in forno a 170 gradi per 15 minuti. Accanto alle polpette si potrà servire una coleslaw, un’insalata a base di cavolo verde e carote molto usata nei paesi anglosassoni. Tritate a striscioline il cavolo e riducete e julienne le carote: conditeli con olio, limone, sale e pepe a piacere. Riponete l’insalata in frigo per qualche ora. Nel frattempo potete preparare la salsa di accompagnamento a base di yogurt, meglio se greco, o panna acida, a cui aggiungere qualche altra goccia di limone, qualche granello di senape, sale, aglio e prezzemolo. Servire l’insalata a temperatura ambiente accompagnata dal condimento.

Coleslaw cavolo verde e carote

Coleslaw cavolo verde e carote

Le verdure invernali sono molto versatili: sono moltissime le varianti che potete apportare a questo menù. Le regole generali da seguire sono sempre le stesse: rispettare la stagionalità dei prodotti e acquistare quantità limitate. Seguendo queste semplici indicazioni sarete sicuri di festeggiare senza pesare troppo sull’ambiente.

di Francesca Fiore

Share and Enjoy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *