Guida Ristoranti d’Italia 2016, il fiore all’occhiello del Gambero Rosso

L’evento più atteso della stagione editoriale del Gambero Rosso si è svolto nella mattinata di lunedì 12 ottobre 2015 presso lo Sheraton Rome Hotel and Conference Center in Viale del Pattinaggio a Roma. La guida si conferma uno strumento fondamentale in grado di offrire ad appassionati e intenditori le migliori soluzioni, tali da soddisfare ogni tipo di tasca e di palato.

La nuova Guida Ristoranti d'Italia 2016

La nuova Guida Ristoranti d’Italia 2016

Tante le novità di questa edizione, prima tra tutte la partnership tra Gambero Rosso e The Fork, piattaforma che opera nel settore delle prenotazioni dei ristoranti online. L’accordo, annunciato dal Presidente del Gambero Rosso Paolo Cuccia, mira a creare una sinergia tra le due aziende per potenziare la crescita dei ristoranti italiani anche nel digitale.

I premi

La ristorazione è una macchina complessa ed è per questo che sono stati introdotti nuovi priemi speciali tesi a valorizzarne ogni aspetto. L’edizione 2016 ha assegnato a Lorenzo Viani, proprietario del ristorante Lorenzo di Forte dei Marmi (LU), il titolo di Ristoratore dell’anno, figura imprescindibile di ogni realtà che mira ad essere solida e longeva.

Lorenzo Viani - Ristoratore dell'anno

Lorenzo Viani – Ristoratore dell’anno

Oltre ai riconoscimenti ai migliori servizi di sala e di sala d’albergo, gusto & salute, alla migliore proposta di piatti di pasta, al cuoco emergente e ai qualità / prezzo, la guida introduce anche il premio Novità dell’anno, assegnadolo all’Argine a Vencò di Dolegna del Collio (GO). Il premio Bistrot dell’anno va invece a Donatella Bistrot di Oviglio (AL) e il Pane in Tavola al  Ristorante Reale di Castel di Sangro (AQ).

Ma veniamo ai premi più attesi e altisonanti che vedono come protagonisti i migliori ristoranti, trattorie, wine bar, birrerie e etnici, segnalati rispettivamente con il simbolo delle forchette, dei gamberi, dei bicchieri, dei boccali e dei mappamondi.

Regione pluripremiata con sei Tre Forchette e altrettanti Tre Gamberi è la Lombardia, oltre ai Tre Mappamondi dei “milanesi” Iyo e Wicky’s Wicuisine Seafood.

Si confermano regine dei boccali le “case” Baladin di Piozzo (CN) e Roma.

Chiusura in grande stile con l’assegnazione delle Tre Forchette, simbolo dell’eccellenza della ristorazione del nostro Paese. Il prestigioso riconoscimento è stato attribuito a ben 26 locali, al cui vertice spiccano nuovamente due nomi che non hanno bisogno di presentazioni: L’Osteria Francescana di Modena di Massimo Bottura e La Pergola del Rome Cavalieri di Roma di Heinz Beck.

Massimo Bottura riceve le Tre Forchette

L’Osteria Francescana di Modena di Massimo Bottura si aggiudica le Tre Forchette

Heinz Beck riceve le Tre Forchette

La Pergola del Rome Cavalieri di Roma di Heinz Beck si aggiudica le Tre Forchette

Gianluca Ciotti, Irene De Rossi

Share and Enjoy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *