Da oggi parla l’etichetta

Dal 22 Novembre la nuova legislazione sull’etichettatura alimentare è pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale

Sia che siate in grado di riconoscere un vino da un blind test, sia che siate la signora Maria della porta accanto che non si spinge oltre il supermercato sotto casa per organizzare la cena al marito, tutti dovremmo sapere che nell’arco di tre anni le etichette delle confezioni alimentari saranno obbligate a dirci qualcosa in più.

Anche se si è fatto molto desiderare (la rielaborazione è partita nel 2008) è finalmente passato il regolamento UE  1169/2011 sull’informazione al consumatore relativa ai prodotti alimentari, definito dopo quasi quattro anni di dibattiti tra la Commissione europea, il Parlamento e il Consiglio.

Le novità più importanti riguardano:

l’etichettatura nutrizionale – diventano obbligatorie per tutti gli alimenti confezionati le indicazione di valore energetico, grassi,  acidi grassi saturi, carboidrati, proteine, zuccheri e sale. I valori, riportati per 100 gr o 100 ml di prodotto, potranno essere riferiti anche al quantitativo corrispondente ad una porzione;

leggibilità – le diciture obbligatorie dovranno essere riportate con un carattere tipografico di minimo 1,2 mm e di 0,9 mm per le confezioni più piccole;

indicazione d’origine – l’informazione circa il Paese d’origine o il luogo di provenienza della carne suina, ovina, caprina e del pollame, saranno obbligatorie entro due anni. Entro cinque anni la Commissione europea valuterà se estendere l’obbligo anche al latte ed i suoi derivati;

surgelati – la dicitura “Scongelato” sarà necessaria per i prodotti precedentemente congelati o surgelati e venduti scongelati;

insaccati – per i salumi insaccati il cui involucro non è commestibile, sarà obbligatoria un’opportuna indicazione;

allergeni – saranno evidenziati in grassetto o attraverso il colore, rispetto agli altri elementi della lista degli ingredienti;

oli e grassi vegetali – i prodotti contenenti oli o grassi vegetali dovranno riportarne l’origine specifica (…di soia, di palma, di arachide).

Importanti le novità anche in merito al campo di applicazione della nuova normativa: il regolamento riguarda infatti tutti i prodotti destinati al consumatore finale, ivi compresi quelli somministrati dalle collettività, quali ristoranti, mense, ospedali e catering.

Beatrice Lopez

Foto: www.ilfattoalimentare.it

 

Share and Enjoy

One thought on “Da oggi parla l’etichetta

  1. Laura scrive:

    Brava la nostra piccola ostrichetta curiosa che ha postato un argomento sicuramente molto interessante e utile per tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *